Architetto André Bonfanti - Architettura, Design, Real Estate

Form Follow Science - Urbanistica | Architettura | Design | Real Estate - pubblicazione online non periodica
  • Italiano
  • English
  • Français
ISSN 2499-8524

depressione

L'ambiente fisico può modificare l'associazione tra sintomi depressivi e il cambiamento della circonferenza della vita: lo studio multi-etnico sull'aterosclerosi. Ambiente urbano e obesità: i "food deserts", ovvero i deserti alimentari e i fast food. Le infrastrutture verdi e la salute umana.

Bassi livelli di coesione sociale e di qualità estetica nel quartiere ed elevati livelli di violenza sono stati associati a maggiore punteggi medi nella scala CES-D1 in uomini e donne.[1] 

Sintomi depressivi elevati sono stati associati con un maggiore aumento della circonferenza di vita tra gli individui che vivono in ambienti fisici di bassa qualità che in quelli che vivono in ambienti fisici giudicati di buona qualità. Nessuna associazione è stata trovata tra sovrappeso/obesità e variazione dei sintomi depressivi.[2]

La mancanza di reperibilità di cibo sano nel quartiere (ovvero di negozi e quindi di una coerente politica di sviluppo del territorio), è correlata all'aumento del consumo di "cibo spazzatura" (vedi l'articolo Ambiente urbano: può favorire l’obesità? in sicurezzaalimentare.it). 

Tramite una analisi cross-section sulla salute pubblica di Filadelfia, 10450 persone  sono state suddivise a seconda del quartiere. I risultati sono stati abbastanza chiari: una percezione negativa del proprio “ambiente alimentare”, a partire da difficoltà percepite di rifornirsi di frutta e verdura, lontananza da supermercati, qualità percepita come scarsa dell’offerta alimentare –sono associate direttamente con il consumo presso fast food.  In tal senso, una possibile chiave esplicativa suggerita dai ricercatori è che le difficoltà di accedere a cibi sani portino a scegliere alternative come fast food. Di conseguenza, interventi volti a migliorare l’ambiente urbano potrebbero direttamente riflettersi in una maggiore disponibilità di alimenti sani e di qualità, che diminuiscano il ricorso al cibo spazzatura.

Nel 2007, Tzoulas et al. hanno condotto una rassegna bibliografica sul tema delle infrastrutture verdi per la promozione dell'ecosistema e per il miglioramento della salute umana in aree urbane. La perdita e il degrado dello spazio verde urbano e peri-urbano potrebbero influire negativamente sugli ecosistemi e la salute umana e il benessere. Lo scopo del lavoro di Tzoulas è quello di formulare un quadro concettuale di associazioni tra spazio urbano verde, sull'ecosistema e sulla salute umana. [3]


References

UUID: 
67e94d1d-c994-42e1-b5f8-2f483db4ddd5
Ultima modifica: 
9 Novembre, 2017 - 10:57
Abbonamento a depressione

Contatti

Studio di Architettura André Bonfanti

mail: info@andrebonfanti.it
PEC: bonfanti.11919@oamilano.it
(contatto telefonico su richiesta)

Domicilio legale
[indirizzo omesso per privacy]
20157 - Milano (MI) - Italia

Albo professionale
Ordine degli Architetti di Milano